Pianta di cacao: come coltivarla e come curarla

Oggi vi parliamo della pianta da cui il cioccolato trae la sua origine e della sua coltivazione: la pianta di cacao.

In particolare in quest’articolo scoprirai le varie fasi di coltivazione di questa straordinaria e millenaria pianta.

La pianta di cacao: la sua famiglia, da dove viene

L’albero di cacao era noto già dai tempi antichi alle popolazioni dell’America Latina, del Brasile, dell’Africa Occidentale e dei Paesi tropicali. Il cacao era per questi popoli oggetto di venerazione e principale forma di sostentamento. Non a caso, il nome greco della pianta è Theobroma cacao, ovvero cibo degli dei.

La famiglia a cui appartiene il cacao è quella delle Sterculiacee o Malvacee, tipica delle zone equatoriali calde e umide. Grazie a questo particolare clima, la sempreverde pianta di cacao può raggiungere altezze importanti, anche fino a sei metri.

Si dice che la pianta di cacao sia originaria del Messico; altri propendono per le zone dell’Honduras o del Venezuela. Quello che è certo è che il cacao proviene dalla valle del fiume Ulùa, nell’Honduras nordoccidentale.

Perché il cacao è così importante?

Sempre più aziende oggi investono nel business della coltivazione del cacao. Da un punto di vista squisitamente tecnico, come vedremo più sotto, coltivare piante di cacao non è cosa semplicissima, non possono farlo tutti e c’è bisogno di specifiche condizioni. Questo porta alcune aziende – in tutto il mondo – a specializzarsi in questo lavoro e rivendere il prodotto.

La coltivazione del cacao è oggi un vero e proprio business, il prezzo di questa materia prima, nel momento in cui scriviamo, è di circa 2.000 dollari per tonnellata, il che lo rende davvero molto conveniente. Se a questo si aggiunge che anche i privati stanno puntando al cacao (in maniera indiretta, tramite i cosiddetti CFD o gli ETF, fonte http://www.forextradingitalia.it/investire-cacao), il quadro è completo, e ci fornisce delle indicazioni chiare sul roseo futuro di questa materia prima.

La fioritura della pianta di cacao

L’albero di cacao fiorisce due volte all’anno, con cadenza semestrale. La fioritura si caratterizza per una moltitudine di fiorellini bianchi e rosa che ricoprono tronco e rami. Una volta avvenuta la fecondazione, la pianta genera le bacche di cacao, altrimenti conosciute come cabosse.

Il ciclo di fruttificazione è piuttosto lungo agli inizi: la pianta inizia a creare le bacche solo dopo cinque o sei anni dall’innesto.

La cabossa si presenta come una sorta di melone dalla buccia verdognola. La maturazione totale avviene dopo sei mesi, momento in cui la colorazione comincerà a dare sull’arancio e si potrà procedere al raccolto.

La buccia della bacca viene poi incisa per prelevare le fave di cacao. I periodi deputati cadono solitamente tra ottobre e marzo e tra maggio ed agosto.

Come coltivare la pianta di cacao

Per far sì che la pianta di cacao cresca sana e forte, sono necessarie alcune condizioni specifiche: vediamole insieme.

La temperatura

La pianta di cacao cresce bene in zone molto umide, prevalentemente con temperature tra i 18° e i 32°.

Al di sotto dei 18°, essendo la temperatura troppo fredda, è possibile che la pianta si secchi. Al contrario, al di sopra dei 32°, in condizioni di forte umidità, il clima viene generalmente sopportato.

Piogge e umidità

La zona equatoriale è una delle più floride per la crescita della pianta di cacao, in quanto interessata da abbondanti piogge durante tutto l’arco dell’anno.

Condizione fondamentale è che non debba esserci secca per più di sei mesi, per evitare che radici e fusto subiscano danni permanenti.

L’umidità del terreno dev’essere ovviamente molto alta, con percentuali tra il 70% e il 100%.

La terra adatta

Il terreno ideale presenta capacità drenanti e buon riciclo dell’umidità.

La sua composizione dev’essere argillosa, sabbiosa e pietrosa al tempo stesso. con un ph acido leggero e ricco di sali minerali, tra cui il potassio.

L’importanza del sole

La luce del sole filtrata dalle piante è di primaria importanza per la crescita della pianta di cacao.

Per uno sviluppo ideale della pianta, infatti, l’illuminazione dev’essere costante, ma indiretta; per questo motivo, le piante circostanti vengono dette piante madri del cacao.

Lascia un commento